Il nuovo sito del Comune di Molfetta, tecnologia al servizio del cittadino

Postato da | settembre 28, 2014 | Sistec, Sviluppo Web | No Commenti
portale-comune-molfetta

Alcuni mesi fa, parte del team Sistec è stato impegnato nella realizzazione del nuovo portale web istituzionale della Città di Molfetta. Si è trattato di un lavoro estremamente impegnativo, dato che il sito esistente era decisamente obsoleto e le esigenze dei vari settori comunali e dell’intera macchina amministrativa comportavano implementazioni complesse e specifiche.

In ogni caso, siamo riusciti a sintetizzare gli obiettivi principali del nuovo portale di Molfetta in alcuni punti chiave:

Per il cittadino (utente finale)
  • semplicità di accesso ai contenuti (comunicati trasparenza amministrativa)
  • possibilità di ricercare e reperire informazioni e utilità
  • essere informati sulle attività cittadine alle quali poter partecipare
  • rapidità di caricamento dei contenuti (si, anche noi ci annoiamo quando i siti sono lenti, quindi rientra nelle esigenze)
  • accessibilità da dispositivi mobili
  • una veste grafica piacevole che desse lustro e valore al portale
Per i dipendenti comunali (operatori dietro le quinte del sito web)
  • una piattaforma gestionale semplice ed intuitiva
  • una formazione adeguata all’utilizzo della piattaforma
  • un supporto rapido ed affidabile per eventuali necessità
Per il Comune di Molfetta
  • un sito che rispettasse l’attuale normativa in ambito di portali governativi
  • sicurezza informatica dei dati e dell’infrastruttura
  • tempi di consegna rapida (il vecchio sito non era a norma, andava quindi cambiato quanto prima)
  • pieno rispetto delle esigenze dei cittadini e dei dipendenti comunali

Andiamo quindi di seguito a sviluppare ognuno di questi punti per comprendere meglio il layout e le funzioni del sito del Comune di Molfetta e magari imparare a sfruttarne meglio le potenzialità.

1) Semplicità di accesso ai contenuti

La homepage del portale è strutturata in maniera tale da offrire nell’immediato una “strada” per ogni “destinazione” presente sul sito, grazie al ricco menu ed al design modulare spiegato in questo schema.

home-modulare

Il portale, inoltre offre la possibilità di ottimizzare l’accesso ai contenuti rilevanti facendo il modo che siano i contenuti ad andare dal cittadino e non viceversa, sfruttando la tecnologia dei feed RSS.

Per capirci meglio: è necessario semplicemente installare su computer o su smartphone un qualunque lettore (gratuito) di feed RSS, per ricevere in automatico una notifica ogni qual volta che:

  • viene pubblicato un comunicato stampa sul sito del Comune di Molfetta
  • viene pubblicata una delibera o un documento in amministrazione trasparente
  • viene pubblicato un provvedimento dirigenziale
  • viene pubblicata una notizia dai settori comunali
I feed RSS del Comune di Molfetta sono gratuiti, installabili con un click e disponibili a questa pagina: http://www.comune.molfetta.ba.it/elenco-rss/
2) Possibilità di reperire informazioni e utilità

In un portale con oltre 30.000 documenti archiviati all’interno, è indispensabile offrire all’utente strumenti di ricerca validi ed efficaci. Noi di Sistec abbiamo dato grande peso a questo aspetto posizionando in testata un campo di ricerca GRANDE e visibile, che effettua una ricerca generale in tutti i database.

A giudicare da questa mappa di calore che ci mostra l’utilizzo del sito registrato su un campione di 5000 visitatori, abbiamo avuto una buona idea. L’area di ricerca è tra le zone maggiormente utilizzate della homepage (evidenziate in rosso).

search-heatmap

Sappiamo quindi con certezza che gli utenti utilizzano il campo di ricerca, ma riescono a trovare i contenuti ricercati?

La risposta è assolutamente SI!

Perché l’amico Google Analytics ci dice che il numero di pagine visitate dopo una ricerca è 1.36, ciò significa che gran perte degli utenti trova il contenuto ricercato quasi al primo colpo; la percentuale di uscita dal sito web dopo una ricerca è solo del 16.83% (molto bassa) e soprattutto il tempo di permanenza dopo una ricerca è superiore ai 4 minuti.

L’incrocio di questi 3 dati ci da certezza che la ricerca sia ben strutturata sul portale.

Inoltre nella sezione Amministrazione Trasparente è disponibile un modulo di ricerca più avanzato e configurabile per effettuare ricerche mirate in categorie specifiche.

3) Rapidità di caricamento dei contenuti

Potrebbe sembrare un parametro minore, ma la rapidità del caricamento di un sito è invece fondamentale per assicurare all’utente (ovvero al cittadino) un’esperienza gradevole. Anche in questo caso riteniamo di aver centrato a pieno l’obiettivo consegnando un portale dalle prestazioni elevatissime soprattutto rapportate all’enorme mole di contenuti e funzioni che contiene.

Fortunatamente possiamo dare spessore a questo dato utilizzando questo sito per i test delle prestazioni, e magari facendo un confronto con altri siti governativi di riferimento.

  • Comune di Molfetta – Primo Caricamento in 2.713 secondi
  • Comune di Milano – Primo Caricamento in 3.337 secondi
  • Comune di Roma – Primo Caricamento in 3.275 secondi
  • Comune di Napoli – Primo Caricamento in 3.899 secondi 

Risultato? Tutti i siti sono ban fatti dato che caricano in meno di 4 secondi alla prima visita, e il sito del Comune di Molfetta è perfettamente in linea.

4) Accessibilità da dispositivi mobili

Il traffico di utenti da dispositivi mobili, è un dato in costante crescita negli ultimi anni quindi non potevamo non tenerne conto nella costruzione del portale. Il nuovo sito del Comune di Molfetta è ottimizzato per offrire un’esperienza mobile quasi pari a quella da computer fisso, e anche stavolta a confermarlo sono le statistiche, che ci dicono che il bounce rate (ovvero la frequenza con cui un visitatore esce dal sito senza visitare altre pagine) è praticamente uguale a quello dei visitatori da computer fisso.

bounce-rate-molfetta

Unica pecca della versione mobile, è che l’albo pretorio non è ottimizzato per smartphone. Ma questa sezione non è stata curata da noi (nessuna critica, ma è bene precisare).

5) Veste grafica

Sulla veste grafica non mi soffermo più di tanto dato che è un parametro abbastanza soggettivo. Abbiamo utilizzato un tema di partenza come framework, è costruito un child theme in base alle esigenze sopraelencate.

6) La piattaforma gestionale a misura di Comune

Uno dei tanti motivi per cui abbiamo scelto WordPress per implementare questo portale, è proprio la possibilità di personalizzare il backend con “post types” e “meta boxes” ad hoc per ogni esigenza. In questo modo, ogni settore comunale ha accesso ad una propria area backend personalizzata in base alla tipologia di contenuti da caricare, e i form di caricamento sono documentati per semplificare le operazioni.

backend-molfetta

Nonostante il poco tempo a nostra disposizione siamo riusciti a dare una logica ed un ordinamento ad un gestionale che ha l’arduo compito di coordinare una macchina amministrativa poco abituata a questo tipo di strumenti.

7) Formazione e assistenza

Nei primi 30 giorni di “vita” del portale abbiamo ricevuto richieste di supporto quasi quotidiane e le abbiamo evase tutte in meno di 24 ore. Abbiamo una struttura solida e ben rodata per situazioni di questo tipo.

8) Rispetto della normativa

magellano-paCi sono tante norme da rispettare per realizzare un portale per una pubblica amministrazione. È vero, alcune sono inutili, ma il nostro compito era quello di rispettare la normativa. Per questo il nuovo sito del Comune di Molfetta rispetta tutti i 67 requisiti dettati dalla trasparenza amministrativa (qui è possibile verificarlo inserendo nell’apposito campo l’indirizzo url del sito del Comune di Molfetta) e il codice rispetta lo standard W3C.

9) Sicurezza del portale

Circa la sicurezza del portale non posso entrare troppo nel dettaglio per ovvie ragioni, quello che posso dire e che abbiamo preso tutte le precauzioni per tenere al sicuro l’infrastruttura da attacchi provenienti da malintenzionati. In realtà in questo portale non ci sarebbe nulla da rubare, visto che tutte le informazioni sono pubbliche e fruibili a tutti, ciò nonostante abbiamo dovuto più volte monitorare diversi tipi di attacco fortunatamente senza conseguenze.

10) Tempi di consegna rapidi

Era necessario pubblicare il portale in fretta, e non per ragioni futili, ma semplicemente perché il vecchio portale non era a norma quindi esponeva la città tutta al rischio di sanzioni. Senza troppi giri di parole, avevamo una consegna programmata per il 30 luglio e abbiamo pubblicato il portale il 10 giugno sobbarcandoci un non indifferente carico di “stress aggiuntivo”.

In definitiva, il sito del Comune di Molfetta rappresenta la perfezione per un portale comunale?

Ovviamente la risposta e NO! Avremmo potuto realizzare funzioni molto più avanzate al servizio dei cittadini e dell’amministrazione, arricchire le sezioni dedicate al turismo, snellire alcune procedure con dei form online e tanto altro; ma chiaramente abbiamo lavorato anche in relazione al budget messo a disposizione e alle specifiche di capitolato.

Senza dimenticare che abbiamo messo in piedi una piattaforma solida, che ben si presta a future implementazioni, miglioramenti e ampliamenti.

 

Relazione a cura di:
Francesco Carlucci e lo staff Sistec srl